venerdì 9 febbraio 2018

RECENSIONE: "Baby don't cry" di Paola Garbarino

Buongiorno carissime, come state? Per fortuna questa settimana è volata davvero in fretta nonostante il tempo capriccioso, i miei acciacchi da vecchia sono stati più sopportabili e adesso posso finalmente godermi il weekend in santa pace. Si spera. Qui non si può mai dire. 
Dunque, oggi vi parlo di un libro che mi ha emozionato dalla prima all'ultima pagina per il suo significato profondo e speciale, sto parlando di Baby don't cry di Paola Garbarino autrice di diversi romanzi autopubblicati. Devo ammettere che ho impiegato un paio di settimane prima di iniziare a scrivere questa recensione. Quando un libro mi piace così tanto faccio sempre molto fatica a parlarne, di fatto ne è uscito un papiro! Vogliate perdonarmi e spero abbiate tanta pazienza di arrivare fino in fondo. C'è anche un piccolo commento sulla novella sequel M+N Forever. Voi sapete che non sono una fan delle novelle eppure ho amato anche questa!

Titolo: Baby don't cry Serie: Baby don't cry #1
Autore: Paola Garbarino
Editore: Self-publishing
Genere: Contemporary romance - New adult - Young adult
Categoria: primo amore - emozioni - hot - seconde possibilità 
Pagine: 416
Prezzo cartaceo: € 14,99 ebook: € 2,99

Lui non mi aveva mai fatto male. A parte la prima volta, per parecchi secondi per me interminabili ma non l’aveva fatto apposta. E a parte nel mio cuore e lì l’aveva fatto apposta. Ogni cosa mi faceva pensare a lui, perché Milo era dappertutto. Ed era dappertutto perché era dentro di me. 
Milo e Petra si conoscono dalle elementari e adesso stanno per laurearsi. Da anni sono amici con benefici, trascorrono momenti infuocati nel privato ma quasi si ignorano appena messo piede fuori dal letto. Come sono arrivati a questo punto? Si può crescere con l’idea del principe azzurro e del lieto fine e non soccombere alla realtà delle relazioni moderne? Questa è la storia di un piccolo grande amore, come ce ne sono tanti in ogni angolo del mondo, come molti che avrete visto fiorire tra i banchi di scuola, forse capitato a voi stessi. La storia di due ragazzi che il Destino decide di far incontrare, un ragazzo e una ragazza che si conoscono da bambini e crescono insieme, due anime che passano attraverso quell'esperienza straordinaria che è l'adolescenza, il diventare adulti, perdere le illusioni infantili cercando al tempo stesso di non lasciar scivolare via i sogni.

RECENSIONE
Ecco un romanzo che cercavo da tempo, qualcosa che facesse venire le palpitazioni, montare la rabbia e lasciare sconvolti dal colpo di scena. La storia di Petra e Milo non è semplice, ma quale grande amore lo è? Sì, perché il loro amore è quello con la A maiuscola, il cosiddetto primo amore, quello che non si dimentica mai. Un'amore da cui non c'è via d'uscita, che nasce tra i banchi di scuola e diventa potente col raggiungimento dell'età adulta. Mi sono lasciata travolgere dagli eventi che sconvolgono la vita amorosa dei nostri protagonisti ed ero quasi convinta che il lieto fine non sarebbe mai arrivato. E credetemi, è un impresa epica arrivarci perché la storia di Milo e Petra affronta numerose battaglie prima della resa finale. Prima di capire che l'unico vero ostacolo è quello più temibile di tutti: la paura di amare.

La prima volta che Petronilla incontra Milo è in quinta elementare, quando lui si è appena trasferito da Roma con suo padre. Petra guarda Milo come se non avesse mai visto un bambino prima d'ora, una statua del dio Dionisio con quei capelli neri e ribelli. Per la troppa emozione Petra vomita sulle scarpe di Milo e invece di arrabbiarsi il bambino ride di gusto. Da quel momento si innamorano perdutamente l'uno dell'altro. Gli anni passano e Petra non riesce ad approcciarsi a quel ragazzino che si fa sempre più bello, sia per la sua timidezza sia perché ha paura di ricevere un rifiuto. Hanno tredici anni quando si scambiano il primo bacio e diciotto quando finalmente decidono di mettersi insieme. Purtroppo, come tutte le cose belle, la loro storia si interrompe bruscamente. Petra non vuole sapere più nulla di Milo e solo un anno e mezzo dopo i due decidono di intraprendere un'amicizia con benefici. Da qui inizia la loro storia, di come il loro rapporto si basa solo sul sesso e poi ognuno per la propria strada. Per Petra è dura vivere in quel modo, ma cerca di farselo bastare pur di non perdere quello che era il suo migliore amico, il suo grande amore, il suo tutto. Eppure non possono continuare così perché si stanno facendo soltanto del male. C'è qualcosa nel loro passato che deve essere risolto e Petra è l'unica che può prendere una decisione: affrontare il passato o lasciare Milo per sempre?


Per me non è stato facile approcciarmi al personaggio di Petra, non per antipatia o altro ma per qualcosa di più profondo, a livello emotivo. Purtroppo è una ragazza che fin da bambina si è sempre fatta molti problemi, sia per la paura di non piacere che per quella di amare. Essendo figlia di genitori separati i suoi sentimenti sono comprensibilissimi, per questo non crede nel grande amore, sopratutto dopo quello che in seguito accade con Milo. La ragazzina timida e impacciata scompare non appena Milo disintegra i suoi sogni.
Petra non ha relazioni stabili e vuole divertirsi senza preoccupazioni. Il suo unico problema è Milo con cui da tempo ha intrapreso un'amicizia con benefici. Lui è bello in modo assurdo, tutte le donne fanno a gara per attirare la sua attenzione. Sa di essere bello e ampiamente se ne approfitta. E' un chiacchierone, sempre con la battuta pronta, che sia ironica o velenosa, eppure tra le lenzuola diventa silenzioso ma carico di passione e aspettativa. Questo è il loro tacito accordo

Milo è un personaggio che ho amato fin dalla sua prima battuta. Dentro di me ha lasciato un segno profondo perché ho adorato il suo carattere e i suoi modi di fare. E' comprensivo, dolce, ironico ma in modo leggero ed è sempre attento e riflessivoEssendo il libro raccontato dal punto di vista di Petra (abbiamo una bella fetta di lui soltanto verso la fine) vediamo un Milo come una sorta di playboy. Tutte parlano di lui, tutte lo vogliono, tutte fanno a gara pur di conquistare un pezzo del suo cuore o cadere tra le sue braccia. Invece Milo è semplicemente un ragazzo come tanti, che ha subito un trauma da bambino e che vuole soltanto essere amato, a differenza di Petra che è terrorizzata da tale sentimento. Purtroppo, questa differenza di carattere, distrugge il loro rapporto e lo riempie di gelosia, incomprensioni e silenzi. Milo e Petra si amano incondizionatamente ma si lasciano coinvolgere dagli eventi negativi e dalle cose taciute, fino a quando si arriva al colpo di scena tanto temuto, dove tutte le cose vengono a galla, dove la verità viene svelata di colpo facendo capire a entrambi i loro grandi sbagli. Ma non credete che questo sia un bene. Affatto. Milo e Petra dovranno affrontare un'altra prova, quella più decisiva: il perdono.


Ho amato questo libro con tutto il cuore. Vorrei dirvi tante altre cose ma non posso fare spoiler perché questa storia è tutta uno spoiler! Milo e Petra mi hanno tolto l'anima, i sentimenti, mi hanno fatto venire il mal di testa, il mal di stomaco, il mal di fegato, il mal d'amore... e poi mi hanno fatto piangere e gioire. Mi hanno ricucito l'anima pezzo per pezzo e mi hanno reso la persona più felice della terra. Vi giuro che vi faranno ammattire, vi faranno esasperare ma vi regaleranno un'emozione grandissima. Non è un romanzo drammatico in senso brutto, ma semplicemente una storia d'amore come tante, soltanto un pochettino più sofferta perché irta di ostacoli che sembrano insormontabili. Milo e Petra compiono un viaggio che dura anni, in cui cadranno e si rialzeranno, in cui staranno lontani, in cui faranno esperienze con altri, in cui commetteranno numerosi sbagli, ma sapranno riappacificarsi prima di perdere tutto. 
Ho amato lo stile dell'autrice così intenso, pieno di sentimento, molto introspettivo perché Milo e Petra sono personaggi che crescono nel tempo e che hanno bisogno di essere compresi. Ho apprezzato anche l'idea di iniziare i capitoli con un pezzo tratto dalle fiabe. La storia è a capitoli alternati tra presente e passato, necessari a comprendere tutti i fatti accaduti, e credetemi sono molti. La voglia di sapere è tanta e per me è stato molto difficile rimandare la lettura al giorno dopo. Insomma, un romanzo bello come pochi e che si aggiudica il premio come uno dei miei best books del 2018, e con un personaggio maschile al top dei top

M+N Forever è la novella sequel di Baby don't cry. Sono contenta che l'autrice abbia ripreso in mano il seguito della storia, sopratutto dopo il modo in cui era terminato il romanzo. Dopo tutto quello che Milo e Petra hanno dovuto affrontare il finale non mi aveva soddisfatto per nulla. Per fortuna ci pensa questa bella novella di 107 pagine a togliermi tutti i dubbi. Finalmente scopriamo cosa succede a Milo e Petra, come se la passano dopo essersi laureati. I problemi passati della loro relazione hanno lasciato degli strascichi importanti, ma pian piano riusciranno a superare tutto. Ringrazio l'autrice per questa splendida novella in cui ci ha riservato altre sorprese e che ha reso la storia ancora più indimenticabile. Dopo la lettura di Baby don't cry non fatevela sfuggire assolutamente!


MERAVIGLIOSO

⇓⇓⇓⇓
Bene, anche per oggi è tutto. Cosa ne pensate? Avete letto questo romanzo? Lo leggerete preso? Dovete conoscere Milo assolutamente, vi prego! Vi aspetto nei commenti e vi auguro un sereno e soleggiato weekend, carissime. Hasta lunes!

10 commenti:

  1. Annaaaaaa T__T ma che bella recensione, si percepisce quanto ti sia piaciuto e quando c'è una coppia che soffre sono in prima linea ma non puoi travolgere la mia TBR così!! :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah siii mi è piaciuto tanto!!
      Ma tu devi assolutamente conoscere Milo Romano!! Non puoi abbandonarlo nella TBR ;D
      Leggilo, leggilo *-*

      Elimina
  2. Ciao carissima! Come faccio ad ignorare questa lettura dopo aver letto la tua recensione? Semplice, non posso! Devo assolutamente prendere in mano questo libro. Già prima mi ispirava, ma ora è diventata una necessità.
    Buon week-end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella! Infatti non puoi assolutamente ignorarla ;D
      Non vedo l'ora di sapere la tua opinione. Spero che lo leggerai presto *-*

      Elimina
  3. Dopo una recensione così intensa e sentita, che si fa? Si aggiunge il libro in questione in wish list e basta! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, bravissima!! Una ola per la mia Rosellina ;D

      Elimina
  4. Complimenti bellissima bellissima recensione... bellissimo il titolo di questo libro che mi ricorda una canzone ...bellissima la storia se travolgente quanto la tua recensione ! Sembra tutto davvero perfetto *Iris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il titolo è proprio preso da quella canzone, per cui è adatto a te ;D

      Elimina
  5. che belle parole Anna, me lo sono segnato subito subito

    RispondiElimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^