martedì 13 settembre 2016

RECENSIONE: "Freddo come la pietra" e "Freddo bruciante" di Olivia Rigal

Buon pomeriggio lettori e ben tornati! Cos'è questo caldo insopportabile? Sto già rimpiangendo il bel fresco dei giorni scorsi visto che ormai dell'estate non ne posso più. So che molti di voi la pensano come me, vero? Per quest'oggi niente rubrica del martedì, ho cambiato tutta la scaletta che avevo in programma perché ho bisogno di togliermi un bel pò di recensioni in arretrato visto che di questo passo non riesco a godermi le letture attuali. Perciò vi parlo dei primi due volumi della serie breve dei Tornado D'acciaio scritta a autopubblicata da Olivia Rigal, Freddo come la pietra e Freddo Bruciante. Questi due primi capitoli parlano di Lisa, studentessa di legge e Brian il vice del club motociclistico Tornado d'Acciaio. Chi mi segue sa che ho una passione appena nata per questi bikers dall'animo Alpha e dal cuore d'oro. L'unica pecca di questa serie è che è davvero molto breve e di conseguenza poco approfondita, ma vi spiego tutto nella recensione. 

Titolo: Freddo come la pietra (Tornado D'acciaio #1)
Autore: Olivia Rigal
Editore: Selfpublishing
Pagine: 86
Acquistalo su: Amazon e Kobo
A causa della morte del fratello, Lisa Mayfield lascia la facoltà di legge e torna a casa e da un ex amante che non riconosce più. Brian Hatcher, il migliore amico di suo fratello, ha lasciato la scuola di polizia. Invece di lavorare con il fratello di Lisa per combattere la criminalità organizzata, è diventato un membro a tutti gli effetti dei Tornado D’Acciaio, un club motociclistico malavitoso, proprio quello che poteva aver causato la fine di suo fratello. Alla ricerca di risposte su come sia morto suo fratello, Lisa non riesce ad ignorare l'attrazione che prova ancora per Brian. L’alchimia è innegabile ma in lui c’è ancora qualcosa del ragazzo che una volta aveva amato o è diventato un motociclista freddo come la pietra?


COSA NE PENSO
Ho sempre pensato che le cover hanno un potere unico. In questo caso posso dire che l'occhio vuole la sua parte, anche il titolo mi ha catturato subito. Non c'ho pensato due volte a scaricare il libro ma mi sono decisa a leggerlo dopo la pubblicazione del secondo. Amo le storie sui bikers, ormai è un dato di fatto e per la serie dei Tornado d'Acciaio era arrivato il suo momento. Così mi sono cimentata in questa lettura anche se ero spaventata dal poco numero di pagine che infatti penalizzano di molto il romanzo. Dopo aver saputo della morte del fratello, Lisa lascia il suo lavoro, il collage e le sue amicizie per tornare a casa. La sua vita sta per cambiare per sempre. Sua madre è una donna fragile e non può occuparsi delle incombenze del funerale, ora è tutto nelle sue mani: il riconoscimento della salma e sopratutto scoprire come è morto David e per mano di chi. Brian Hatcher è il suo primo amore ed è il migliore amico di suo fratello. Dopo tanti anni il loro primo incontro avviene tra le lacrime. Hanno perso entrambi una parte del loro passato, ma ci sono molti dubbi che opprimono Lisa. Brian è il vicecapo di un club di motociclisti chiamati Tornado d'Acciaio che sono accusati di essere i responsabili della morte di David. David e Brian sono sempre stati amici ma mentre il primo ha dedicato la sua vita alla carriera di poliziotto, il secondo è stato espulso dall'accademia e si è unito ai Tornado d'Acciaio per gestire gli affari del padre. Ma nonostante siano passati diversi anni e le loro strade si sono bruscamente divise, la passione tra Brian e Lisa non si è mai assopita e presto scopriranno di non poter più fare a meno l'uno dell'altro. Questo primo capitolo è un pò la storia di come si riconciliano i due protagonisti e come dovranno scendere a patti per stare insieme anche se hanno due vite completamente diverse. Lisa sta studiando legge per diventare avvocato mentre Brian sarà presto presidente dei Tornado. Molte cose non sono state approfondite per nulla come la misteriosa morte di David ucciso brutalmente, o del perché tanti personaggi subentrano all'improvviso nella vita di Lisa, come Everest, l'affascinante poliziotto che sembra avere un brutto rapporto con Brian, o almeno è questa l'impressione che mi ha dato. E' una storia carina, leggibile, scorrevole e senza particolare suspense. Io l'ho definita come lettura svago senza tante pretese anche se mi ha lasciato con la voglia di saperne di più

Titolo: Freddo Bruciante (Tornado D'acciaio #2)
Autore: Olivia Rigal
Editore: Selfpublishing
Pagine: 92
Acquistalo su: Amazon e Kobo
Guardo con piacere mentre i suoi fianchi si sollevano dal materasso. Voglio sprofondare dentro di lei e spegnere il fuoco, ma non lo faccio. Non importa quanto lo voglia, non fin quando non si arrenderà. Mi chiamo Brian Hatcher e voglio tutto. Voglio il controllo del club motociclistico che gestisce mio padre, l’assassino del mio amico David, e più di tutto Lisa, la sorella di David. Voglio Lisa con me sulla moto, nel mio letto, e sotto l’incantesimo del mio freddo bruciante. Non m’interessa l’incertezza di Lisa sul ruolo giocato dai Tornado D’Acciaio nella morte di David o il suo vecchio sogno di diventare procuratore distrettuale. Non lascerò che i suoi desideri mi ostacolino. Alla fine ottengo sempre quello che voglio.


COSA NE PENSO
Il secondo volume viene raccontato dal punto di vista di Brian e non è altro che la conclusione della sua storia con Lisa. Lei è tornata all'università mentre Brian continua ad occuparsi del suo club e a fare da scorta ad una star musicale. Ed è proprio in questa circostanza che lui e Lisa si rincontrano, finché qualcuno tenta all'improvviso di ucciderlo. Brian ha paura di perdere Lisa, la sua vita è costantemente in pericolo a causa del suo lavoro, ma il pensiero di lasciarla andare e di permetterle di costruirsi un futuro con qualcuno altro è troppo doloroso. Vuole proteggerla a tutti i costi, vuole sposarla e avere dei figli con lei. E poi scopre qualcosa di inaspettato che sta per cambiare di nuovo le loro esistenze, e ora più che mai ha bisogno di proteggere la sua donna, di tenerla al sicuro e sperare di renderla veramente felice. Questo secondo capitolo dei Tornado l'ho trovato un pò confusionario. Alcune cose che non erano state approfondite nel primo capitolo vengono a galla, ma altre mi hanno lasciato un pò interdetta. Si scopre che Everest è il fratellastro di Brian e che hanno un ottimo rapporto. Oltre ad essere un poliziotto Everest lavora anche come Dungeon Manster nel sex club che Brian gestisce per conto del club motociclistico e devo dire che mi piace moltissimo il suo personaggio la cui storia ci verrà raccontata nel quinto volume. A parte questo, la storia procede un pò a singhiozzo, mi dava l'impressione che alcuni indizi fossero gettati così alla rinfusa. E' come se la storia procedente non c'entrasse nulla con questa perché troppi fatti si presentano in modo totalmente diverso. Come vedete sono un pò confusa anch'io. C'è un colpo di scena abbastanza prevedibile e poco approfondito perché ci lascia con l'irresistibile voglia di saperne di più (non leggete la trama del terzo capitolo!). La scrittura della Rigal si presenta molto scorrevole e semplice, ma penso che non ha saputo sfruttare gli elementi che aveva a disposizione. Poca romanticità e poca suspense. Ecco, quest'ultima parte era fondamentale per una serie incentrata sul mondo dei bikers. Spero che i seguiti saranno decisamente migliori. Come valutazione finale mi concedo di dare a entrambi i capitoli tre stelline. Al momento la serie è breve, piacevole e per nulla impegnativa

NON MALE

La serie è composta da:
1. Freddo come la pietra (Brian e Lisa)
2. Freddo Bruciante (Brian e Lisa)
3. Fusione Fredda (prossimamente)
4. Hot Pursuit (Sally e Slider)
5. Hot Mess (Everest e ...)

↓↓↓↓
Ebbene carissime, anche per oggi vi saluto e ci rileggiamo domani, credo con una nuova puntata di The News perciò occhio! Nel frattempo mi aspetto di conoscere le vostre opinioni su questa serie? L'avete letta? Siete curiose di farlo? A domani! 

4 commenti:

  1. non li conoscevo ma i bikers mi incuriosiscono sempre! Sembrano più due racconti, ma ogni tanto io li leggo volentieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, sono due racconti. Leggili Chiarè e fammi sapere ^-^

      Elimina
  2. Ammmore infinito per i bikers in generale, e per le cover di questa serie che sono veri hot... però... boh il fatto che siano storie leggere e scorrevoli non era quello che mi aspettavo. Credevo fossero romanzi completi, corposi e che ti entrano dentro :( Non so, magari me li segno per i periodi romance leggero, dai ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non me lo aspettavo anch'io. Pensavo qualcosa di più ma molto di più >_<
      E' proprio il fatto che siano così corti e poco approfonditi che li penalizza. Avrei potuto accettare pure che fossero corti ma dovevano essere più avvincenti e completi come evoluzione di storia...

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^