mercoledì 21 settembre 2016

BLOGTOUR CELESTE: LA FORZA DI UNA REGINA di Cristina Vichi


Buona sera miei dolcissimi lettori incantati. E' la prima volta in assoluto che pubblico a quest'ora, ma ho passato una giornata più o meno frenetica e finalmente riesco a dedicare qualche minuto al blog per pubblicare questo post che era in programma per oggi. Infatti sono felice di ospitare una delle ultime tappe del blog tour dedicato al romanzo Celeste, la forza di una regina seguito di Celeste, l'ardore di una donna scritto da Cristina Vichi. Leggere questi romanzi è stata per me un'esperienza bellissima ed emozionante, una favola magica e speciale che infonde un grande insegnamento, e con un eroina davvero coraggiosa. In questa tappa ci sarà una doppia recensione, un estratto e un giveaway finale dove potrete vincere una copia cartacea e una ebook del romanzo Celeste, la forza di una regina. Spero parteciperete in tanti. Buona lettura! 

Titolo: Celeste: L'Ardore di una Donna
Autore: Cristina Vichi
Genere: Romance/Avventura
Editore: Selfpublishing
Pagine: 344
Prezzo: € 12,48 ebook: € 2,99
Acquistalo su: Amazon

Celeste è una ragazza dal cuore selvaggio e impavido, con una forza emotiva talmente spiccata da riuscire a ribellarsi alla corrente ideologica di tutta la nobiltà. 
L’inaspettato incontro con l’amore sconvolgerà non poco la sua vita, ma lei combattiva e diffidente, cercherà di resistere con tutte le sue forze a quel turbine di emozioni profonde e sconosciute penetrate nel suo cuore senza chiedere il permesso. 
Il passato, però, con i suoi drammi e inganni, sta per esplodere e Celeste si trova proprio al centro di tutto, perché ciò che lei è dipende anche da avvenimenti accaduti quando ancora non era nata. 
Celeste (L’Ardore di una Donna) è il prequel di Celeste (La Forza di una Regina). Entrambi i romanzi sono autoconclusivi.

COSA NE PENSO
Questo è un romanzo che davvero mi ha sorpreso e che sono riuscita a divorare in pochissimo tempo visto che, molto spesso, sono una marmotta in fatto di letture. La cosa che mi ha stupito è il modo di scrivere dell'autrice così diretto e spontaneo, molto "favolistico" e in grado di creare una trama convincente e ben strutturata, ricca di colpi di scena. All'età di sei anni Celeste viene spedita da Re Umberto, suo padre, in un convento per essere educata in modo rigido a severo da suor Matilda, una donna senza scrupoli e avida di denaro. La bambina ha un carattere spigliato e dolce, quasi ribelle e il padre ha tutta l'intenzione di soffocare quel carattere. Ma prima di raggiungere il convento, la carrozza che trasporta la bambina, viene attaccata da un gruppo di briganti che riescono a rapire Celeste e a scambiarla con un'altra bambina. Celeste scoprirà finalmente le sue origini e la triste storia d'amore che ha coinvolto il suo vero padre Ivan, ex capitano delle guardie reali, e sua madre, la principessa Margherita. Da quel giorno sono ormai passati dieci anni. Celeste è cresciuta in una bella fattoria assieme a suo padre che non ha mai cercato di soffocare quell'animo ribelle anzi, ha incoraggiato la figlia ad essere se stessa, le ha imparato le tecniche del combattimento e l'uso della spada, le ha insegnato a cavalcare e a seguire sempre il suo cuore. Celeste è una forza della natura anche se non ha mai pensato all'amore. Almeno fino a quando incontra il giovane Alessandro, un ragazzo affascinante e malizioso che all'inizio cercherà di proteggere Celeste anche da se stessa ma senza risultato. La loro storia sarà un'avventura mozzafiato, ricca di fascino e mistero, di baci rubati e colpi di spada. Tutto questo fino a quando Marlok, un amico del padre di Celeste, non chiede l'aiuto della fanciulla per riconquistare il suo regno e avere finalmente vendetta. Celeste si butterà all'avventura senza pensare di correre un grave pericolo, e il passato tornerà prepotentemente a sconvolgere la sua esistenza

Mi sono letteralmente innamorata di questa storia. Mi ha fatto sorridere e arrabbiare e non ho fatto altro che pregare affinché Celeste si vendicasse dei suoi nemici che hanno cercato in tutti i modi di distruggere lo spirito della ragazza. La storia scorre velocemente senza intoppi, i dialoghi sono semplici e senza troppi fraintendimenti. In realtà il libro è più di quello che vi ho raccontato. E' un viaggio meraviglioso, in un'epoca non del tutto precisata, con un'ambientazione fantastica e dei personaggi indimenticabili e molto temerari. Il tutto s'intreccia molto bene perché ogni capitolo contiene un colpo di scena. Celeste è una protagonista che sicuramente amerete perché è di gran cuore e sempre pronta ad aiutare coloro che ne hanno bisogno. Come inizio di un'avventura non è affatto male. 

Titolo: Celeste: La Forza di una Regina
Autore: Cristina Vichi
Genere: Romance/Avventura
Editore: Selfpublishing
Pagine: 344
Prezzo: € 13,23 ebook: € 2,99
Acquistalo su: Amazon

La profezia della Vecchia, svelata in punto di morte, sconvolge ogni equilibrio di amore e serenità. Celeste, regina di Asserlay, si trova catapultata in un vortice di eventi che sembrano schiacciarla, condannandola a cedere alle prepotenze di chi trama contro di lei. 
Ed ecco lo spirito selvaggio e indomito di una donna che continua a sperare, l’ardore di un’anima che non si può piegare, il coraggio di lottare contro ogni ingiustizia, nonostante tutto. 
Il carattere di Celeste, la sua forza e la sua impulsività cambieranno il destino di chi la circonda: il suo atteggiamento anticonvenzionale non potrà non stupire. 
Finché capirà che il nemico non è solo chi si schiera apertamente contro di lei: il vero nemico è il Passato. 
Celeste (La Forza di una Regina) è il sequel di Celeste (L’Ardore di una Donna). Entrambi i romanzi sono autoconclusivi.


COSA NE PENSO
Questo secondo romanzo è addirittura più bello del primo. La storia prende una piega del tutto inaspettata, che non avrei mai osato immaginare. L'autrice sviluppa una storia sempre ben intrecciata ma con dei colpi di scena ancor più sorprendenti, ed è proprio questo che mi piace della sua penna. Quando pensi che le cose si svolgono in un certo modo ecco il colpo di scena dietro l'angolo che stravolge tutta la storia. E' passato un anno dai pericoli che hanno corso Celeste, Alessandro e i loro amici. Ora sono il Re e la Regina di Asserlay e il loro regno prospera nella ricchezza e nella pace. Celeste e Alessandro sono sempre più innamorati, sono compassionevoli e i loro sudditi li amano anche se a volte si comportano come due adolescenti pazzi. Ma per amore questo ed altro. Entrambi sono maturati moltissimo perché hanno grandi responsabilità, ma si sostengono vicendevolmente e sono praticamente inseparabili. Non prendono mai decisioni separate e questa è senza dubbio la loro forza. Purtroppo le cose prendono un triste risvolto e Celeste dovrà superare ancora una grande prova, forse la più difficile di tutte, e non è detto che il lieto fine è così scontato. Qualcosa o qualcuno minaccerà l'amore di Alessandro e Celeste, il passato non si può lasciare indietro ma torna sempre a riscuote il suo debito. Purtroppo devo fermarmi qua. E' veramente difficile per me non parlarvene più approfonditamente perché vi svelerei tanti di quei spoiler che alla fine mi odierete. Sappiate soltanto che il romanzo inizia già con il botto. Un indizio di quello che accadrà ai nostri due giovani protagonisti durante la lettura. E con il batticuore ho seguito le vicende che li hanno coinvolti in prima linea. Sono rimasta colpita, arrabbiata e non riuscivo a capire cosa stesse accadendo e perché. Tutti i personaggi che abbiamo incontrato, conosciuto e amato nel primo libro li ritroviamo tutti qui a fare da spalla alla povera Celeste che deve ancora affrontare tante prove. Per essere una ragazza così giovane ha sofferto tanto, ma il suo cuore non si è mai arreso, il suo spirito è sempre rimasto il più bello e il più puro e ha contagiato tutte le persone che la circondano. Non ha mai una parola cattiva per nessuno, cerca sempre di far comprendere alle persone i propri sbagli, non si piega mai al valore dei cattivi e la sua anima brilla sempre di luce, non si affievolisce mai neanche quando le avversità cercano di distruggerla. Alessandro mi ha fatto infuriare così tanto che lo avrei preso a bastonate. Purtroppo accade qualcosa che terrà entrambi lontani, ma credetemi quando vi dico che niente è quello che sembra. Tutto si intreccia così alla perfezione che rimarrete stupiti. A sostenere i protagonisti saranno Ivan, Marlok, Michele, Re Riccardo (oh il mio amato Riccardo!) e tanti altri. Separarmi da loro è stato davvero spiacevole.

Celeste, la Forza di una Regina vi sorprenderà fin dalle primissime pagine. L'amore e la sofferenza in questo volume sono molto bilanciati e arriverete a macinare i capitoli proprio come ho fatto io. Non mancano momenti spensierati e romantici, non mancano combattimenti e tante malevolenze, non mancano sotterfugi e misteri, non manca la speranza e non manca l'amore, quel sentimento che Celeste dichiara sempre a gran voce. Il suo personaggio, come quello di Alessandro, subisce un'evoluzione pazzesca mantenendo sempre quell'animo ribelle che la contraddistingue. Ho apprezzato il fatto che i suoi amici e i suoi familiari cercano sempre di difenderla e sostenerla, di lasciarla libera di fare le sue scelte. A volte si nota moltissimo come un romanzo si conforma all'animo della sua autrice, l'ho capito dai ringraziamenti che Cristina Vichi fa alla fine del libro. Entrambi i volumi sono emozionanti e avventurosi, pieni di qualità perché sono fonte di grande insegnamento. Non posso che confermare lo stesso voto del precedente. Senza dubbio Cristina è un'autrice da tenere sempre d'occhio e spero che ci regalerà anche una storia su Re Riccardo. Io lo aspetto con molto impazienza perché mi ha lasciato un pò nel dubbio per quanto riguarda il suo personaggio. 
ESTRATTO TRATTO DA CELESTE: LA FORZA DI UNA REGINA
«Ti ordino di fermarti!», le urlò Alessandro, indispettito. 
«Sono una donna, non so cavalcare, come puoi non riuscire a prendermi?», lo provocò lei, voltandosi indietro.
«Fermati subito o te ne pentirai amaramente!», le urlò lui.
«Non ti basterà minacciarmi per riuscire a raggiungermi!», lo canzonò Celeste.
Lui afferrò una corda dal borsello e la annodò a lazo. Poi lo volteggiò più volte in aria e infine lo lanciò, prendendo al volo Celeste, che rimase bloccata con entrambe le braccia e fu strattonata violentemente giù da cavallo.
Ripresasi dalla botta, Celeste cercò di liberarsi, ma la corda la stringeva intorno ai fianchi, bloccandole completamente le braccia.
Alessandro scese rapido da cavallo e iniziò a girarle intorno.
«Ti ho presa!», enunciò, vittorioso.
Lei sbottò, fissandolo allarmata: 
«Avresti potuto farmi molto male, come ti è venuto in mente di trattarmi così?».
Lui sghignazzò, soddisfatto.
«Oh, ma il bello deve ancora venire...», le sussurrò, avvicinandosi a lei.
«Liberami immediatamente da questa corda!».
«Gli ordini li do io! Mi piaci molto di più legata...». Le sfiorò il viso con la mano e si avvicinò alle sue labbra, fino a respirare il suo profumo.
«Ti ho già morso una volta e sono pronta a rifarlo!», lo minacciò Celeste.
«Perché vuoi fare la guerra? Possiamo fare l’amore qui, nel bosco!».
Lei lo congelò con lo sguardo.
«Ti rendi conto che mi hai appena presa al lazo come se fossi un animale e mi hai trascinata giù dal cavallo? Come puoi pretendere che io voglia fare l’amore con te? Sono furiosa!», gli urlò.
Lui rise.
«Sei furiosa?!», ridacchiò. «Allora so io come farti passare la rabbia». Afferrò il margine della lunga corda con cui la teneva prigioniera e lo legò intorno al collo del suo cavallo.
Lei lo osservò, allibita:
«Alessandro, che cosa vuoi fare?».
«Ti aiuto a sbollire la rabbia!». Lui salì in groppa al cavallo.
Celeste era legata all’altezza della vita e le braccia erano così strette ai fianchi che le facevano male; l’altro capo della corda era annodato al cavallo di Alessandro.
«È l’ultima volta che lo chiedo...», la avvertì voltandosi verso di lei, «...quindi fai bene attenzione a quello che dici». Fece una pausa, poi riprese: «Farai l’amore con me, qui, nel bosco, ora?», le sorrise, maligno.
Il volto di Celeste si caricò di coraggio e ardore:
«No. Non ti permetterò mai di prendermi senza amore».
La forza del suo spirito lo confondeva: in lei c’era qualcosa di selvaggio e incantevole.
«Molto bene...», Alessandro finse indifferenza, «...allora preparati a correre». Spronò il cavallo a partire e mantenne un trotto tranquillo.
Celeste correva dietro al cavallo, impegnandosi per non cadere: rimanere in piedi era l’unica possibilità per non farsi troppo male.
Vedendo che Celeste riusciva a mantenere la corsa del cavallo, Alessandro aumentò la velocità, ma lei continuava a resistere. Infine, incredulo davanti alla sua resistenza e agilità, iniziò a galoppare.
A quel punto, già stremata dalla corsa, lei non riuscì a sostenere la velocità e cadde. Fu trascinata dal cavallo, strisciando per terra e incappando in ogni ramo, sasso, tronco che si trovava sul terreno. Cercava di tenere la testa alta, ma respirava comunque la polvere che si alzava dal terreno e non poteva ripararsi con le mani, perché erano legate. Provò a mettersi sul fianco, per proteggere almeno il viso, ma era così strattonata e sballottata da non riuscire a gestire il suo corpo.
Dopo dieci lunghissimi minuti di quell’estenuante tortura, finalmente varcarono le porte di Asserlay.
«Ma sei impazzito?!».
La voce di Michele riecheggiò nell’aria.
Il cavallo rallentò l’andatura, ma non si fermò.
Celeste cercò di aprire gli occhi e vide l’ingresso del castello.
Marlok stava uscendo di corsa per prestarle soccorso.
«Fermati subito!», ordinò al figlio.
Lui arrivò imperterrito fino alle scuderie, dove Ivan si parò davanti al cavallo per fermarlo. Alessandro tirò le redini per non calpestarlo e l’animale si bloccò.
Marlok si gettò su Celeste, raccogliendola da terra e liberandola dalla corda il più delicatamente possibile. Nel vederla in quelle condizioni, si sentì stringere il cuore.
Ivan li raggiunse e si inginocchiò accanto a loro. Prese il viso della figlia fra le mani: era tutto sporco di terra e sanguinava; le ferite non si vedevano bene perché erano coperte di fango.
«Celeste, mi senti?».
«Sì... sto bene», rispose lei, ma non riusciva a tenere su la testa.
Li raggiunse anche Michele.
«Portate dell’acqua, presto!», ordinò.
Marlok lasciò la ragazza a Ivan e si alzò in piedi, furioso.
«Che diavolo hai fatto?», inveì contro il figlio.
Alessandro lo fissò con aria di sfida.
«Io sono il re e lei non ubbidisce ai miei ordini! Questo ammonimento vale per tutti!», decretò puntando il dito ad ampio raggio.
«Tu sei un deficiente! E se non inizi a comportarti con giudizio, ti accoppo io!», dichiarò Marlok, rabbioso.

BIOGRAFIA AUTRICE: Cristina Vichi vive a Riccione, insieme al marito e tre figli.
Ha sempre amato molto inventare storie, ma dopo la stesura del primo romanzo la scrittura diventa una passione vera e propria.
Di seguito le sue opere:
“Celeste: L’Ardore di una Donna” (Seconda edizione: 24/07/2016). Romance/Avventura, autoconclusivo e prequel di “Celeste: La Forza di una Regina”.
“Destini Ingannati” (15/11/2015). Romanzo autoconclusivo.
“Celeste: La Forza di una Regina” (10/08/2016) Romance/Avventura autoconclusivo e sequel di “Celeste: L’Ardore di una Donna”.
“E se poi te ne penti?!” Romanzo rosa/Humor autoconclusivo. (In prossima uscita).
“Tander: Dentro di noi l’energia dei Fulmini” Romanzo Urban Fantasy autoconclusivo. (In prossima uscita).
Blog AutoreCristina Vichi Autrice
Pagina FacebookCristina Vichi Scrittrice
GIVEAWAY
REGOLE PER PARTECIPARE:
1) Diventare Follower del blog autrice. CRISTINA VICHI
2) Mettere MI PIACE alla pagina Facebook dell’autrice. CRISTINA VICHI FACEBOOK
3) Diventare Follower dei blog che ospitano le tappe e il Giveaway del tour.
4) Condividere l’evento sui propri social e inserire il banner sul proprio blog (Chi ha un blog!)
IMPORTANTE: Per partecipare basta inserire il nome e la propria email sotto a una qualsiasi tappa del blog tour o del Giveaway finale.
Buona fortuna a tutti!!!

IL GIVEAWAY TERMINA IL 5 OTTOBRE 
E IL VINCITORE VERRA' ESTRATTO SUL BLOG DELL'AUTRICE!


Cosa ne pensate? Avete letto i romanzi? Li leggerete?
Spero parteciperete al giveaway! Un beso! 

9 commenti:

  1. Grazie infinite per aver ospitato Celeste nel tuo angolino. Sono proprio contenta che le sue avventure ti siano piaciute! Grazie di <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Cri per avermi regalato queste splendide emozioni *-*

      Elimina
  2. L'estrazione del Giveaway sarà il 5/10.
    Poi con calma scriverò qui sotto i nomi e le email anche dei lettori che hanno dato l'adesione in altre tappe. Grazie a tutti per la partecipazione! Un abbraccio <3

    RispondiElimina
  3. bella anche quest'ultima tappa! peccato sia finito il giveaway!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luigi il giveaway termina il 5 di ottobre sul blog di Cristina!
      Segui le regole per partecipare ^-^

      Elimina
  4. Oh, finalmente hai recuperato questi romanzi, e sono proprio contenta che ti siano piaciuti!!! :D Tra l'altro ho appena pubblicato la recensione del secondo libro, ihih :3
    Comunque, Alessandro nel secondo volume l'avrei strozzato a più riprese, e poi adoro Celeste, anche se delle volte è troppo troppo buona.
    Un bacione, Violet :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Celeste è stata davvero una santa nel secondo volume. Ma mi è piaciuto il messaggio che l'autrice ha voluto lanciare ♥
      Vengo subito a leggere la tua recensione, Roselllì ^-^

      Elimina
  5. Estrazione fatta!!! Trovate i vincitori sul mio blog!
    Grazie a tutti per aver partecipato!
    Il Giveaway è chiuso!

    RispondiElimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^