giovedì 26 maggio 2016

POPCORN: The Boy


Buongiorno carissimi, oggi torna un nuovo appuntamento con la rubrica Popcorn, rubrica in cui accantono i miei deliri letterari per dedicarmi esclusivamente al cinema, la mia seconda passione. Oggi vi parlo di The Boy, uscito nelle sale il 12 maggio scorso. Il film è stato abbastanza pubblicizzato anche in tv ed ero convinta che fosse un horror al 100%, così sono andata a leggere la scheda sul sito Coming Soon e ho visto che si trattava in realtà di un thriller horror. Sinceramente sono rimasta un pò titubante, ma quella sottospecie di bambola mi incuriosiva troppo e volevo saperne di più. Volete sapere se ho fatto bene? Bene, allora non vi resta che leggere la recensione.

Amo i film ambientati in quelle enormi case inglesi, piene di spifferi e rumori inquietanti, che nascondono segreti e orrori. La cosa che mi ha spinto a vedere The Boy è stato naturalmente quel bambolotto di coccio con quello sguardo allucinante e un pò malinconico, e poi l'attrice protagonista per cui ho sempre avuto una certa simpatia perché me la ricordo nella terza stagione di Supernatural e in The Vampire Diaries - anche se in entrambi i casi non ha fatto di certo una bella fine. Non sapevo cosa aspettarmi perché tutti gli horror promettono bene ma poi razzolano male. Diciamo che questa volta è un bel NI. Ni perché nonostante le buone premesse la storia si perde un pò e soltanto nell'ultima mezz'ora e qualche colpo di scena comincia ad avere degli sviluppi interessanti. Greta (Lauren Cohan) si trasferisce in Inghilterra per fuggire dall'uomo che l'ha tormentata per tanto tempo. Accetta di diventare tata per un bambino di otto anni di nome Brahms, in un enorme casa di campagna. I genitori del piccolo Mr e Mrs Heelshire sono due persone anziane molto severe ed hanno delle rigide regole. Quando le presentano il bambino, Greta pensa che sia tutto uno scherzo. Brahms non è altro che un bambolotto di coccio, alto quanto un bambino di quell'età e viene trattato dai suoi genitori in modo amorevole e attento. Prima di partire Mr e Mrs Heelshire consegnano a Greta un foglio con alcune regole tra le quali: non coprirgli mai il viso, non lasciarlo mai solo, dargli il bacio della buonanotte

Quando Greta rimane sola col bambolotto la prima cosa che fa è coprirgli il viso per il suo sguardo inquietante. La ragazza non rispetta le regole e cerca di trascorrere il tempo come meglio può, ma ecco che iniziano ad accadere delle cose strane. Vestiti che spariscono, oggetti spostati e il bambolotto che la fissa col suo sguardo attento e implacabile. Greta inizia a insospettirsi fino a quando non capisce che dentro il bambolotto vive lo spirito di Brahms. Da quel momento in poi le sue attenzioni saranno tutte per lui, gli legge della storie, lo mette a letto e lo porta con sé durante le mansioni della casa. Insomma, l'atteggiamento di una pazza. Io sarei scappata a gambe levate il più lontano possibile da lì. Ci manca pure il bambolotto allucinato, come minimo avrei considerato l'idea di vedere uno bravo. Lauren mi è piaciuta molto, come sempre lei a quello sguardo vispo e convincente e sono contenta che finalmente ha avuto un film tutto suo visto che fa sempre ruoli secondari. Ma come al solito sono stata ingannata dal trailer come accadde per Crimson Peak. Una storia che di horror a mio avviso a ben poco, purtroppo. Non ci sono particolari scene inquietanti tranne quando la telecamera si fissa sul bambolotto, vi consiglio di girare lo sguardo per non rischiare l'internamento anche voi

Senza dubbio ci sono film peggiori visto che The Boy non è così male. Magari guardarlo con la luce accesa è meglio, se non siete al cinema, ma in fin dei conti non l'ho trovato così pauroso. Gli attori mi sembravano un pò tutti pazzi come Mr e Mrs Heelshire e i colpi di scena di certo non mancano. La parte finale è quella più interessante anche se piuttosto scontata. Per buona parte del film non accade nulla di sconvolgente e a un certo punto risulta piuttosto noioso. C'è anche il "ragazzo delle consegne" che fa più da supporto alla protagonista che altro. Insomma, un film guardabile, semplice, niente di nuovo nel cinema horror, ma con uno sviluppo thriller ben congegnato dove il paranormale e la realtà si confondono in modo perfetto

NON MALE 

14 commenti:

  1. A me vengono i brividi solo a leggere la tua recensione, aiuto.
    Ad ogni modo sembra interessante, ma non lo guarderei mai da sola (horror o non horror Y.Y).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah in effetti ;D
      Guarda, per me non fa così paura, giusto qualche rumore strano o porta che sbatte, solo il finale a un certo punto mi ha fatto leggermente impressione ;D

      Elimina
  2. Ho visto il trailer al cinema e non sapevo se ridere di quella specie di bambolotto o aver paura XD comunque mi ispirava un sacco ma nessuno dei miei compari del cinema mi ha accompagnato a vederlo. Magari me lo vedo in streaming U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah povera, non hanno avuto il coraggio di accompagnarti? ;D
      Forse in streaming non farà così paura, mentre al cinema è più suggestivo ^-*

      Elimina
  3. Concordo come Crimson Peak non è un vero horror però mi è piaciuto di più di Crimson Peak perchè li i fantasmi erano ridicoli, il colpo di scena non mi è dispiaciuto, anche se avevo intuito qualcosa sentendo che quando batteva sul muro era vuoto, ma vabbè. Comunque lei è pazza, tutta felice perchè pensava che il bambolotto si muovesse XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non avevo pensato al fatto che il muro fosse vuoto? O meglio, non ci avevo fatto proprio caso *O* Io devo ammettere che non ci ero proprio arrivata e pensavo fosse il ragazzo delle consegne visto che si intrufolava dappertutto ;D
      Lei è una pazza, poco ma sicuro ^-*

      Elimina
  4. Io adoro i film horror, ma ultimamente, non ne trovo uno che mi soddisfi!
    Li trovo banalissimi e tutti uguali. Ti dirò, però, questo dal trailer un po' mi ispira, anche se la tua recensione, rispecchia un po' quello che mi ero immaginata!
    Vabbè, penso che una possibilità gliela darò comunque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Hutchers! Anch'io li adoro ma è un pò che non ne rimango soddisfatta, l'ultimo è stato The Conjuring e quello mi ha davvero terrorizzato ;D
      Se alla fine decidi di vedere The Boy fammi sapere cosa ne pensi ^-^

      Elimina
  5. Mamma mia, avevo visto il trailer e mi aveva terrorizzato, ma si sa che la sottoscritta e gli horror non vanno esattamente d'accordo. La tua recensione, però, soprattutto l'osservazione sulla scarsa componente paurosa di questo film me lo fa rivalutare: magari un giorno gli darò una possibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara ^-*
      E' vero che non fa molta paura, ma ci sono un pò di colpi di scena che tengono con il fiato sospeso e poi l'ambientazione è fantastica ;D

      Elimina
  6. Ma quel bambolotto è inquietante! O.o
    Però sono curiosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inquietantissimo ahahahah ;D
      Se lo vedi fammi sapere...

      Elimina
  7. A me il trailer inquietava tantissimo, oh mamma *^* Penso proprio che lo vedrò dai, nonostante fossi titubante la tua rece mi ha convinto un pò di più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedilo però poi mi devi dire così mi dici se avevo ragione ^-*

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^